“Mi Muovo anche in città”, l’integrazione tariffaria tra treno e servizi in area urbana, offerti gratuitamente dalla Regione - Notizie - La Voce

Cerca
Vai ai contenuti

Menu principale:

“Mi Muovo anche in città”, l’integrazione tariffaria tra treno e servizi in area urbana, offerti gratuitamente dalla Regione

Pubblicato da Andrea Donati in Bologna · 17/10/2019 08:54:00
Ecco le modalità di utilizzo



Di Andrea Donati

Prosegue, anche per la campagna di rinnovo degli abbonamenti integrati 2019-2020, “Mi Muovo
anche in città”, l’integrazione tariffaria tra treno e servizi in area urbana, offerti gratuitamente
dalla Regione a chi possiede un abbonamento ferroviario superiore ai 10 km o superiore a 1 zona
con origine e/o destinazione nelle 13 città dell’Emilia-Romagna con più di 50 mila abitanti:
Bologna, Modena, Reggio Emilia, Parma, Piacenza, Ferrara, Ravenna, Cesena, Forlì, Rimini, Carpi,
Faenza, Imola.
Gli abbonamenti ferroviari regionali annuali, annuali studenti e mensili con Origine/Destinazione in
una o due delle 13 città citate sono integrati e permettono di usufruire della gratuità dei servizi ivi
presenti.
Tali titoli di viaggio ferroviari, con validità dal 01/09/2019, sono emessi e caricati solo su card UNICA
o Mi Muovo per consentire l’adempimento richiesto dalla normativa regionale all’obbligo di
validazione, con applicazione della sanzione da gennaio 2020. Possono essere emessi in formato
cartaceo fino al 31/08/2019.
Sono previste tuttavia alcune deroghe:
 I residui abbonamenti cartacei annuali sono validi fino alla loro scadenza;
 gli abbonamenti ferroviari mensili devono essere emessi e caricati su card UNICA entro il
31/12/2019, con possibilità di proroga non oltre il 31/01/2020.
Non sono validi ai fini della gratuità dei servizi urbani gli abbonamenti ferroviari emessi e con
validità dal 1° settembre 2020.

ADEGUAMENTI RETE DI VENDITA TRENITALIA
I diversi canali disponibili della rete di vendita del gestore ferroviario consentono di
acquistare/rinnovare gli abbonamenti ferroviari mensili integrati nel seguente modo:
 Biglietterie: in via residuale possono emettere abbonamenti mensili integrati cartacei con
validità dal 1/09/2019 – 30/09/2019;
 Self-service e Punti Vendita a Terra (PVT): emettono mensili cartacei con validità 1/09/2019
fino al 15/10/2019;
 On-line: sono validi ai fini della gratuità dei servizi urbani delle 13 città gli abbonamenti
annuali e mensili solo se emessi e caricati su card Unica.
Sono confermate anche per la campagna abbonamenti integrati Mi Muovo 2019-2020 le seguenti
condizioni:
 ABBONAMENTI CHE USUFRUISCONO DELLA GRATUITÀ PER L’ACCESSO ALLE AREE URBANE
DELLE 13 CITTÀ.
- Abbonamento ferroviario annuale ordinario, annuale studenti e mensile Trenitalia
spa superiore ai 10 km ferroviari e con origine e/o destinazione nella stazione

principale (capoluogo) di una o due delle 13 città, con validità a decorrere dal
1°settembre 2019. Gli abbonamenti con Origine/Destinazione del viaggio
comprendenti stazioni minori, anche se rientranti nelle aree urbane, non danno
diritto a viaggiare gratuitamente sui servizi urbani (es. Parma-Borgo Panigale non
può essere utilizzato gratuitamente nel servizio urbano di Bologna):
o a tariffa regionale Emilia-Romagna;
o a tariffa regionale con applicazione sovraregionale per i soli residenti in
Emilia- Romagna;
o mensile AV Bologna-Firenze per i soli residenti in Emilia-Romagna;
- Abbonamento annuale e mensile TPER spa (emesso in tutte le tipologie tariffarie,
ad esempio giovani, anziani, Mi Muovo insieme, ecc...) superiori almeno ad una zona
tariffaria e con origine e/o destinazione Bologna Centrale, Ferrara, Parma, con data
di emissione anche anteriore al 1° settembre 2019 per utilizzare i treni sulle linee:
o Bologna-Portomaggiore
o Bologna-Vignola
o Ferrara-Codigoro
o Suzzara-Ferrara
o Parma – Suzzara
- Abbonamento annuale e mensile TPER spa (emesso in tutte le tipologie tariffarie,
ad esempio giovani, anziani, Mi Muovo insieme, ecc...) per muoversi nell'area urbana
di Bologna sia su servizio automobilistico che su quello ferroviario;
- Abbonamento integrato annuale ordinario e annuale studenti per la tratta
ferroviaria Bologna Centrale-Calderara Bargellino;
- Abbonamenti da Convenzioni e/o Accordi commerciali fra i gestori dei servizi di
trasporto pubblico rilasciati con validità dal 1° settembre 2019 che prevedono
integrazioni tariffarie per l’accesso ai servizi ferroviari con i bus extraurbani e/o con
maggiorazione per quelli urbani (es. Ferrobus);

 CONDIZIONI INDISPENSABILI PER L’ACCESSO GRATUITO E PER L’UTILIZZO
1. Abbonamenti ferroviari con validità a partire dal 1° settembre 2019 devono essere
caricati su card UNICA di Trenitalia fino alla completa sostituzione degli abbonamenti
cartacei secondo i tempi indicati ai precedenti punti, o su card MI MUOVO dalle
Società di trasporto, Seta spa, Tep spa, Tper spa e Start spa, che gestiscono i servizi
urbani delle 13 città;
2. È obbligatoria la convalida di Unica e Mi Muovo ad ogni accesso e cambio mezzo
urbano a norma della LR 30/98. I controlli sul regolare uso del servizio sono effettuati
secondo le modalità aziendali, mentre l’applicazione delle sanzioni previste in caso
di mancata convalida decorrono dal gennaio 2020.

 DOVE SI ACQUISTANO GLI ABBONAMENTI
Il dettaglio delle modalità di acquisto è disponibile presso i siti web aziendali.
In sintesi:
a) Utente privo di card: deve dotarsi di card UNICA o card Mi Muovo per il rilascio
dell’abbonamento recandosi presso le biglietterie di Trenitalia delle 13 città o
presso le biglietterie aziendali di Seta, Tep, Tper e Start;

b) Utente con card che rinnova l’abbonamento: se in possesso della card UNICA deve
recarsi presso le biglietterie di Trenitalia delle 13 città o utilizzare le emettitrici
automatiche (self service) o il canale on-line di Trenitalia; se in possesso della card
Mi Muovo deve recarsi presso le biglietterie aziendali di Seta, Tep, Tper e Start. E’
inoltre in fase di predisposizione anche la possibilità di effettuare le ricariche on line
dai siti aziendali;
c) Utente con abbonamento ferroviario emesso con tariffa sovraregionale e con
estremo in una delle 13 città e/o abbonamento mensile AV Bologna-Firenze, per
godere della gratuità nell’uso dei servizi in area urbana, deve essere residente in
Emilia-Romagna e deve dotarsi della card Mi Muovo, rilasciata dalle Società di
gestione dei servizi urbani delle 13 città, al fine di adempiere all’obbligo di
validazione di cui alla LR 30/98. Qualora l’utente non sia dotato della card Mi Muovo
non potrà utilizzare il servizio urbano gratuito e sarà soggetto a sanzione
amministrativa, in quanto sprovvisto di valido titolo di viaggio, a norma dell’art.40
della LR 30/98.
 DOVE SI POSSONO UTILIZZARE

Gli abbonamenti ferroviari integrati annuali, annuali studenti e mensili con estremo
almeno in una delle 13 città possono essere utilizzati sui mezzi, bus e treni, all’
interno dell’area urbana dell’estremo/i scelto/i;

 ESCLUSIONI
1. Le Convenzioni/Accordi che già prevedono nell’offerta tariffaria benefici per
l’utenza senza maggiorazione nell’accesso ai servizi urbani escludono la gratuità dei
servizi urbani - es. Linee Modena-Sassuolo terminal, Reggio Emilia-Guastalla, Reggio
Emilia-Sassuolo Radici, Reggio Emilia-Ciano D’Enza;
2. Gli abbonamenti annuali, annuali studenti e mensili di Trenitalia con sola
origine/destinazione su tratta ferroviaria e non coincidente in origine/destinazione
con due delle 13 città, non danno diritto alla gratuità nell’accesso ai servizi urbani;
3. Nella fase transitoria di migrazione degli abbonamenti mensili cartacei su card UNICA
rilasciati da Trenitalia, potranno usufruire della gratuità dei servizi urbani i soli
abbonamenti rilasciati secondo le modalità e le tempistiche riportate al precedente
punto “ADEGUAMENTI RETE DI VENDITA TRENITALIA”;
4. Non è riconosciuta la gratuità dei servizi urbani agli abbonamenti acquistati on-line,
che non siano caricati su card UNICA;
5. La gratuità al servizio urbano non si applica alle città la cui stazione risulta di
“trasbordo” o di “passaggio”: es. abbonamento Ferrara-Modena non si può
utilizzare nel servizio urbano di Bologna, abbonamento Reggio Emilia-Bologna non si
può utilizzare a Modena;
6. Le relazioni ferroviarie minori o uguali a 10 km. non usufruiscono dell’urbano
gratuito delle 13 città, salvo le deroghe previste per il territorio bolognese;
7. Gli abbonamenti rilasciati con Convenzioni aziendali di Mobility Manager potranno
usufruire di tale agevolazione sulla base dell’eventuale contrattazione aziendale;

 ULTERIORI SPECIFICHE PER L’UTILIZZO DEI SERVIZI NELL’AREA URBANA DI BOLOGNA
a) Gli abbonamenti aziendali TPER, validi per muoversi nell’area urbana di Bologna
risultano integrati dal 1° settembre 2018 e danno quindi diritto, attraverso l’accesso alle
stazioni, come specificato al successivo punto b), anche all’utilizzo dei servizi ferroviari in
Area Urbana. Di seguito si riportano le principali tipologie:
- Abbonamento annuale personale;
- Abbonamento annuale impersonale;
- Abbonamento annuale Giovani di età inferiore ai 27 anni;
- Abbonamento annuale Anziani di età superiore ai 70 anni;
- Abbonamento mensile impersonale;
- Abbonamento mensile Giovani di età inferiore ai 27 anni;
b) Tali abbonamenti permettono l’uso del servizio urbano e l’accesso ai servizi ferroviari
all’interno dell’area urbana di Bologna tra le stazioni di cui alla Tabella di seguito
riportata:

AREA URBANA DI BOLOGNA

STAZIONI INTEGRATE per servizio ferroviario Trenitalia – Tper
BOLOGNA TPER SPA Bologna Centrale (P)
Bologna S. Ruffillo
Bologna Borgo Panigale
Casteldebole Bologna Corticella (zN 504)
Bologna Mazzini Bologna S. Vitale Rastignano (zN 509)
Casalecchio di Reno (Zn 507)
Casalecchio Garibaldi (zN 507)
Casalecchio Ceretolo (zN 507)
San Lazzaro di Savena (zN 501)
Bologna Roveri Ca' Dell'Orbo (zN 502)
Bologna Rimesse
Bologna Via Larga
Bologna S. Rita
Bologna Zanolini

 CONDIZIONI D’USO DEGLI ABBONAMENTI INTEGRATI BOLOGNA CENTRALE – CALDERARA
BARGELLINO
È estesa l’integrazione tariffaria anche a coloro che viaggiano in origine/destinazione sulla
tratta Bologna Centrale-Calderara Bargellino, prevedendo l’istituzione dei seguenti nuovi

abbonamenti annuali integrati regionali che permettono di utilizzare oltre la tratta
ferroviaria indicata anche i mezzi presenti nell’area urbana di Bologna:
 Abbonamento annuale personale - Euro 340,60 di cui prezzo all’utenza Euro 320,60:
composto da tratta ferroviaria 1° fascia tariffaria euro 260,60 e quota utente urbana
al prezzo di euro 60,00. Validità 12 mesi (365 giorni dalla data di inizio validità) e
permette di circolare tutti i giorni senza limitazione di corse ed orari;
 Abbonamento annuale Studenti/Giovani di età inferiore ai 27 anni – Euro 313 di cui
prezzo all’utenza 299,20 euro: composto da tratta ferroviaria 1° fascia tariffaria euro
239,20 e quota utente urbana al prezzo di euro 60,00. Validità 12 mesi (365 giorni
dalla data di inizio validità) e permette di circolare tutti i giorni senza limitazione di
corse ed orari;

Tali abbonamenti sono rilasciati da Trenitalia per la tratta ferroviaria Bologna Centrale-
Calderara/Bargellino, mentre per la quota urbana l’utente dovrà richiedere a Tper la card Mi

Muovo su cui è caricato il valore corrispondente. L’abbonamento ferroviario Bologna
Centrale – Bargellino da presentare alle biglietterie Tper per ottenere la quota urbana dovrà
essere leggibile dalla strumentazione TPER in alternativa si dovrà dimostrare il possesso
dell’abbonamento ferroviario citato.
Inoltre dal 1° agosto 2019 anche gli abbonamenti TPER al sistema gomma-gomma (utilizzo,
con un unico titolo di viaggio, dei sistemi urbani combinati con i servizi bus
urbani/extraurbani) del trasporto pubblico locale del bacino bolognese, possono usufruire
della gratuità al servizio urbano.

Per ulteriori e più dettagliate informazioni consultare i siti aziendali.
E’ disponibile inoltre il numero verde regionale 800 - 388988, pensato per fornire ai cittadini
le informazioni sul sistema "Mi Muovo", contattabile dal lunedì al venerdì, dalle 8.30 alle
19.30 orario continuato, con servizio automatico di messaggistica per le restanti ore e giorni
24 ore su 24, tutti i giorni della settimana. Il servizio è gratuito.
Fonte: Comitato Pendolari Direttissima




Torna ai contenuti | Torna al menu