La giunta del Comune di Monzuno destina alla scuola il 5% delle indennità di sindaco e assessori - Notizie - La Voce

Cerca
Vai ai contenuti

Menu principale:

La giunta del Comune di Monzuno destina alla scuola il 5% delle indennità di sindaco e assessori

Pubblicato da Andrea Donati in Monzuno · 13/5/2020 10:02:00



Di Andrea Donati

La decisione di ridurre i compensi per gli amministratori conferma una scelta fatta già dalle precedenti giunte, con la differenza che stavolta i risparmi non saranno generici ma destinati alla scuola

La giunta del Comune di Monzuno ha confermato la scelta di tagliare volontariamente del 5% l’indennità che spetta a sindaco e assessori comunali, con una novità: non si tratta più di un generico atto di risparmio per le casse del Comune, ma di un atto di indirizzo preciso, perché le risorse risparmiate saranno destinate alla scuola.

Il sindaco Bruno Pasquini ha motivato con queste parole la decisione presa: «Abbiamo pensato di dare un’ulteriore contributo all'Istituto comprensivo di Vado-Monzuno perché i giovani sono il nostro futuro e oltre i lavori alle strutture scolastiche, che abbiamo già programmato, abbiamo pensato anche ad un segno concreto di sostegno».

Per comprendere la genesi di questa decisione va ricordato che con la legge 266/2005 il governo stabilì il taglio del 10% di qualunque indennità, compenso, gettone di presenza o retribuzione riconosciuta agli amministratori locali. A questo taglio obbligatorio per legge, la giunta all’epoca guidata da Andrea Marchi aggiunse nel 2007 un ulteriore taglio del 5%, poi confermato nei due mandati di Marco Mastacchi: si tratta di una opzione non obbligatoria, ma di una scelta che porta a un risparmio messo a disposizione della spesa generale.

Tale risparmio, pari a circa 358 € al mese, è stato confermato anche per il 2020 con una indicazione in più prevista in sede di bilancio, quando gli amministratori hanno deciso di finalizzarlo con un obiettivo preciso: creare un fondo specifico per le borse di studio.

Quella che negli anni passati costituiva una generica riduzione di spesa insomma dal 2020 si trasforma in borse di studio, anche se nell’immediato verrà indirizzata probabilmente alla gestione dell’emergenza Covid-19, come spiega Monica Morini, Assessore alla sanità, politiche sociali e scuola: «Quest'anno abbiamo comunicato alla dirigenza dell'Istituto Comprensivo che possono utilizzare questo denaro per le esigenze legate all'emergenza covid-19; ma il nostro intendimento è utilizzarlo per premiare gli studenti meritevoli assegnando delle borse di studio legate a personaggi del Comune di Monzuno. Vorremo, infatti, ricordare attraverso le borse di studio persone che, nella loro vita hanno fatto tanto per il comune e la popolazione».

Fonte: Unione dei Comuni dell’Appennino Bolognese


Torna ai contenuti | Torna al menu