Ultimata la diga del Brasimone (1° Novembre 1911) - Notizie - La Voce

Cerca
Vai ai contenuti

Menu principale:

Ultimata la diga del Brasimone (1° Novembre 1911)

Pubblicato da Andrea Donati in Camugnano · 1/11/2018 10:51:00
Ricordata l’apertura dalla Città Metropolitana di Bologna.




Di Andrea Donati

Nata prima di Suviana, la diga del Brasimone compie oggi 107 anni. L’invaso creatosi ha costituito
per molti decenni la spiaggia di Castiglione dei Pepoli e dintorni, ma non solo. Bolognesi e Pratesi hanno da sempre frequentato questo luogo trovando refrigerio soprattutto nella calde domeniche estive.

Tuttora è molto frequentato e rinomato anche per l’ampia disponibilità per quanto riguarda l’aspetto gastronomico e possibilità di pernottamenti. Di recente l’apertura di un’ampia zona camper riservata ed un attrezzatissimo chiosco.

Importante anche punto di ritrovo per la particolare pesca “Carp Fishing” che consente la cattura (anche di notte) della rinomata fauna ittica protetta, quali sono le carpe, con il conseguente rilascio dopo la cattura e la foto d’obbligo.

Ma ecco cosa pubblica in merito alla ricorrenza la Città Metropolitana di Bologna.

“Il 1° novembre 1911, con l'apertura del collegamento stradale sulla sua sommità, è definitivamente ultimata la diga del Brasimone. La realizzazione di questo impianto innovativo è motivata dalla crescente domanda di energia elettrica per usi domestici e industriali da parte della città di Bologna. La costruzione è affidata alla Società Bolognese di Elettricità (SBE) nei pressi del mulino delle Scalere, nella valle del torrente Brasimone, per conto della Società Strade Ferrate Meridionali di Firenze. Il progetto dell’invaso, presentato il 24 aprile 1906 al Genio Civile, è dell'ing. Fausto Baratta. La diga, alta 35 metri, è opera dell'ing. Angelo Omodeo, all'esordio di una luminosa carriera di "mago delle acque". Il materiale principale utilizzato è la pietra lavorata dagli scalpellini di Montovolo, preferita in questo caso al cemento armato. Coerente alle sue idee socialiste, Omodeo applica qui, per la prima volta in Italia, la giornata lavorativa di otto ore. Il sistema dei bacini appenninici bolognesi, collegati tra loro da canalizzazioni sotterranee e impianti di pompaggio, sarà completato alcuni anni più tardi con l'inaugurazione della diga di Suviana, sul Limentra di Treppio.”








Torna ai contenuti | Torna al menu