Comitato Pendolari Direttissima Bologna Prato. Intervista al Presidente - Notizie - La Voce

Cerca
Vai ai contenuti

Menu principale:

Comitato Pendolari Direttissima Bologna Prato. Intervista al Presidente

Pubblicato da Andrea Donati in Appennino · 1/7/2019 04:06:00



Di Andrea Donati

Il Presidente Germano Carboni ci anticipa le notizie riportate a seguito di una intervista al presidente stesso e che uscirà su Il Resto del Carlino

“Salve,
vi inoltro una lettera che uscirà sul Resto del Carlino forse proprio domani lunedì 1 luglio, scritta in collaborazione con il Sindaco di San Benedetto VdS Alessandro Santoni che ringrazio per la sua sempre presente a fattiva collaborazione. 
Sicuramente sarà tagliata per motivi di spazio, ma a questo scandaloso trasporto non ci stiamo più e vogliamo denunciarlo!


Come sta andando il trasporto ferroviario sulla Direttissima?
Quali sono le statistiche di puntualità e cancellazioni?
Ma soprattutto qual'è il percepito dalla clientela di tale linea?
Qual'è una cosa che l'ha maggiormente colpita?  

Queste le domande poste al Presidente del Comitato Pendolari Direttissima Carboni Germano ed ecco le risposte....

Come sta andando il trasporto ferroviario sulla Direttissima?  
Il trasporto sulla linea Direttissima sta andando a singhiozzo, purtroppo il trasporto ferroviario non è attendibile nè come puntualità nè come affidabilità.

La cura del ferro tanto decantata dall'amministrazione regionale sta portando nuovi treni, ma ci sono dei problemi...
Sulla linea Direttissima sono stati introdotti ormai da due anni gli ETR350 mah :
• I nuovi treni hanno una capienza insufficiente per gli orari di punta e spesso i viaggiatori sono costretti a viaggiare in piedi, la situazione diviene insostenibile nei periodi di ferie o durante le fiere.
• I nuovi treni hanno una sola toilette che spesso è guasta, sicuramente per negligenza dei viaggiatori, ma una toilette sola è insufficiente e ciò ha costretto viaggiatori con problemi prostatici ad abbandonare il treno per scegliere il mezzo privato.
• I nuovi treni non sono dotati di tendine ai vetri e nelle giornate calde stare seduti al sole crea disagio e nonostante una buona a volte eccessiva climatizzazione lo stare seduti per oltre trenta minuti al sole genera sudorazione che con aria condizionata forse troppo elevata genera malanni.
• I nuovi treni hanno solo i cestini dei rifiuti nei ballatoi e così i viaggiatori pigri spesso nascondono i rifiuti fra i sedili o sotto di essi .
• I nuovi treni nonostante appunto "nuovi", offrono due sole prese di ricarica nei ballatoi affianco alle porte di ingresso, quindi non si può stare comodamente seduti e poter lavorare con PC/Tablet/cellulare usufruendo, se necessario, di una ricarica durante il viaggio e chi si siede nei ballatoi per ricaricare il proprio device è di intralcio a chi sale o scende.
• I nuovi treni hanno cappelliere troppo alte e poco capienti per ospitare bagagli, pertanto i viaggiatori non riescono ad utilizzarle finendo per occupare posti disponibili o intralciare i corridoi. 
Quali sono le statistiche di puntualità e cancellazioni? 
Le statistiche di puntualità e cancellazioni eseguite da FER per Regione ER non vedono la linea Direttissima Bologna - Prato primeggiare, anzi...

Nonostante la nostra linea sia a doppio binario, non abbia passaggi a livello e funga anche da backup della linea Alta Velocità e per far questo ha implementati sistemi di sicurezza e regolamentazione traffico di ultima generazione, ciò nonostante ci troviamo sempre fra la 10^ e la 17^ posizione su 24 linee analizzate, mentre linee con un solo binario e con passaggi a livello si trovano sempre nelle prime posizioni, questo fa capire che anche se si ha una FERRARI occorre qualcuno che la sappia guidare altrimenti è più veloce un APE PIAGGIO....

A tutto ciò si è aggiunto da dicembre scorso un problema in galleria che sarà risolto solo appunto dopo la chiusura di Agosto che genera ulteriori ritardi ripetitivi.
Anche le cancellazioni non danno tregua ai viaggiatori, specie la sera non c'è mai la certezza di trovare il treno per tornare a casa, a volte è rotto il treno, a volte manca il personale, a volte ci sono le motivazioni più disparate, ma al viaggiatore interessa il giusto la motivazione... il problema è che dovrà attendere oltre un'ora prima di rientrare a casa!

Ma soprattutto qual'è il percepito dalla clientela di tale linea? 
Il percepito non è positivo, oltre alle problematiche appena elencate e non sono poche, si aggiungono problematiche di scarsa igiene a bordo treno, per tutto l'inverno abbiamo avuto il problema che i regionali che trascorrevano la sosta notturna a Prato per poi partire il mattino divenivano "riparo" dei senza fissa dimora, lasciando odori nauseanti agli sfortunati viaggiatori del mattino e nel peggiore dei casi il treno veniva soppresso perché vi erano escrementi!

Dobbiamo anche aggiungere che in questa linea quest'anno sono stati eseguiti molti we di chiusura per lavori straordinari e ad Agosto è prevista una chiusura di 3 settimane. Oltre al gravissimo disservizio arrecato ai viaggiatori, al turismo e all'indotto che ne consegue non capisco per quale motivo non siano erogati dei bonus ai viaggiatori che hanno subito e che subiranno tali disagi, nonostante abbia fatto presente già a Regione e Trenitalia detta problematica.

Sono altresì molto preoccupato perché nelle 3 settimane di chiusura ci sono viaggiatori che incontreranno gravissime difficoltà nel raggiungere il posto di lavoro o fare rientro a casa, ma nonostante le diverse segnalazioni fatte come detto poc'anzi per ora non ho avuto alcuna risposta.

Qual'è una cosa che l'ha maggiormente colpita?  
La cosa che mi ha colpito maggiormente fu una email di una operatrice sanitaria residente in Toscana, che presta la sua professionalità come ferrista in sala operatoria all'Ospedale Maggiore di Bologna, che stremata dai ritardi e dovendo lei prendere servizio ad orari non flessibili e presto il mattino mi scrisse questa frase con preghiera di inoltrarla alle imprese ferroviarie e alle regioni "Carissimi augurandovi tantissima salute nella vostra vita, anche Voi prima o poi avrete bisogno di me o di chi come me presta una professione necessaria e indispensabile, ma quel giorno io sarò in ritardo per causa Vostra!"

Germano Carboni
Comitato Pendolari Direttissima
Il Presidente


Torna ai contenuti | Torna al menu