Firenzuola. Festa al Covigliaio al Museo della Civiltà Contadina - Notizie - La Voce

Cerca
Vai ai contenuti

Menu principale:

Firenzuola. Festa al Covigliaio al Museo della Civiltà Contadina

Pubblicato da Andrea Donati in Firenzuola · 25/7/2018 09:54:00
Presso la casa della memoria cittadina.



Di Andrea Donati

Da un articolo di Ok Mugello del 24 Luglio 2018

Come è ormai una bella tradizione, ricordiamo che al Covigliaio, ridente luogo di villeggiatura sui tornanti del Passo del Futa, in località Palventa, il simpatico Mario Mantelli, ha allestito da tempo un piccolo ma copiosissimo museo della civiltà contadina, grazie alla sua innata passione di un mondo che ormai non c’è più ma che lo stesso Mantelli, abitante da tanti anni in quel luogo lo ha amato e vissuto intensamente, e il tutto nel ricordo del padre, del nonno e dei suoi avi, che in quel bellissimo lembo di terra hanno vissuto e lavorato per tantissimi anni.

Quindi Domenica prossima 29 luglio 2018, dalle ore 10 alle ore 19, nelle stanze dove sono custoditi centinaia di oggetti da lavoro e casalinghi, nel grande spazio antistante il piccolo Museo dove sono collocate variegate macchine, carri, treggie, trattori, carriole, oltre ad una variegata oggettistica per il lavoro dei campi, si svolgerà questa tradizionale festa con merenda, alla presenza di Dino Naldi di Ozzano dell’Emilia, con la sua straordinaria esposizione  di modellini in movimento per la gioia e lo stupore di grandi e piccini.

Il buon Mario Mantelli, attorniato da tutta la sua famiglia e dai tanti amici che lo aiutano in questo suo ormai collaudato progetto, si dice che festeggerà i suoi primi 80 anni (complimenti e auguri), sarà felice che il suo minuzioso e meticoloso lavoro di ricerca e di custodia del suo piccolo museo della Civiltà Contadina di Covigliaio (Loc. Palventa), venga apprezzato.

Merita davvero andarci, anzi portate i vostri i figli e i vostri nipoti, per far conoscere loro cosa voleva dire portare un pezzo di pane salato a casa. Gente come Mario Mantelli, del popolo di Palventa, merita questo ed altro.

Di Aldo Giovannini.




Torna ai contenuti | Torna al menu