Prato. Il Comune va incontro a bar, locali e ristoranti, allo studio un nuovo utilizzo di piazze e spazi pubblici - Notizie - La Voce

Cerca
Vai ai contenuti

Menu principale:

Prato. Il Comune va incontro a bar, locali e ristoranti, allo studio un nuovo utilizzo di piazze e spazi pubblici

Pubblicato da Andrea Donati in Appennino · 28/4/2020 13:57:00
Domani la convocazione del tavolo del terziario per riorganizzare la movida del centro storico.



Di Andrea Donati

Dopo le proteste e le preoccupazione dei gestori di ristoranti del centro storico, l’amministrazione comunale ha deciso di convocare per domani il tavolo del terzo settore con le associazioni di categoria per cercare di riprogettare gli spazi del centro storico.

Allo studio anche aiuti economici per le imprese del settore che restano penalizzate dall'obbligo di non aprire fino a giugno

“Dovremo convivere con il virus e mantenere le distanze sociali per cui pensare a via Settesoldi e alle altre strade del centro affollate di persone come lo scorso anno – spiega l’assessore alle attività produttive Benedetta Squittieri – è impossibile dobbiamo quindi trovare altre soluzioni. Tra le proposte che stiamo valutando anche quella di utilizzare le piazze e altri spazi pubblici per accogliere i tavolini dei ristoranti .Questo vorrebbe dire però, anche un cambio della viabilità e degli accessi nel centro storico”.

Oltre che il tavolo del terzo settore saranno coinvolti anche tutti i partecipanti al percorso condiviso #Noicheilcentro che fino a febbraio stavano riprogettando le attività e le proposte all’interno delle mure cittadine.

L’amministrazione sta anche lavorando per un sostegno economico alle imprese del commercio:
”La preoccupazione per i tempi prolungati dell’apertura di ristoranti e bar è veramente tangibile – spiega Squittieri – per cui da una parte cerchiamo di capire i bisogni degli imprenditori per poi cercare di capire come riportarli a livello nazionale, dall’altra stanzieremo aiuti economici anche per questo settore che spesso è fatto di imprese famigliari".

Fonte: Notizie di Prato




Torna ai contenuti | Torna al menu