Ricognizione dei danni a mobili e immobili dovuti al vento per richiesta contributi - Notizie - La Voce

Cerca
Vai ai contenuti

Menu principale:

Ricognizione dei danni a mobili e immobili dovuti al vento per richiesta contributi

Pubblicato da Andrea Donati in Appennino · 4/3/2018 14:25:00
I proprietari di beni mobili (vetture, infissi, inpianti …) che hanno subito danni a causa eventi meteo dall’8 al 12 Dicembre possono richiedere il contributo per la rifusione. Indicazioni per scaricare i documenti.



Di Andrea Donati

Leggiamo e riportiamo una notizia pubblicata dall’Unione dei Comuni dell’Appennino Bolognese.

I proprietari di beni mobili (per esempio elettrodomestici o vetture) ed immobili (strutture, infissi, impianti, eccetera) che hanno subito danni nei giorni dall’8 al 12 dicembre 2017 a causa in degli eventi meteo (vento e pioggia) possono richiedere il contributo per la rifusione degli stessi compilando la scheda B allegata e scaricabile sul sito istituzionale dell'Unione dei comuni dell'Appennino bolognese.

I titolari di attività produttive ed aziende agricole ed agroindustriali che hanno subito danni a beni mobili o immobili invece possono richiedere il contributo per la rifusione degli stessi compilando la scheda C allegata e scaricabile sul sito istituzionale dell'Unione dei comuni dell'Appennino bolognese.

In un primo momento, la quantificazione del danno e degli interventi di ripristino potrà avvenire attraverso una autocertificazione che fornisca una valutazione sommaria del fabbisogno necessario (ad esempio attraverso fatture e preventivi di spesa, indagini di mercato, eccetera).

In caso di esito positivo dell’istruttoria di accesso all’eventuale contributo, la quantificazione andrà confermata successivamente con una perizia asseverata a carico del richiedente, dalla quale risulti il nesso di causalità tra il danno accertato e l’evento per un importo non superiore a quello stimato sommariamente, redatta da un professionista esperto in materia, iscritto al relativo albo professionale

Tali schede, interamente compilate e sottoscritte debbono pervenire ai Comuni di residenza entro il 31 marzo 2018
  • in forma cartacea presso gli sportelli comunali l’URP comunale od all’indirizzo postale del Comune
  • in formato informatico (firmato digitalmente) all’indirizzo di posta elettronica certificata del Comune.

Sul questo sito, oltre le schede, sarà inoltre possibile scaricare:

  • Allegato 1 – Indicazioni tecnico amministrative per la ricognizione;
  • Allegato 2 – Procedure ricognizione;
  • OCDPC 503/23/02/2018 (Ordinanza del Capo Dipartimento di Protezione Civile).

Si precisa che la compilazione e l’esito favorevole dell’istruttoria da parte del Comune non garantisce il diritto alla rifusione del danno ma è volta a definire quantitativamente l’importo complessivo dei danni sui quali il Ministero deciderà in che modo procedere.



Torna ai contenuti | Torna al menu