Inaugurato a Marzabotto il primo murales realizzato dai bambini - Notizie - La Voce

Cerca
Vai ai contenuti

Menu principale:

Inaugurato a Marzabotto il primo murales realizzato dai bambini

Pubblicato da Andrea Donati in Marzabotto · 5/6/2019 07:14:00



Di Andrea Donati

Oltre 250 bambini delle scuole primarie hanno concluso un anno di laboratori artistici realizzando un murales che è possibile apprezzare sulla facciata della scuola primar

Riportiamo un comunicato dell’Unione dei comuni dell’Appennino Bolognese.

Sabato 1 giugno i bambini che frequentano la scuola primaria “Bambini del ‘44” di Marzabotto hanno avuto modo di assistere ad una inaugurazione molto particolare: perché sono stati proprio loro a realizzare il nuovo murales colorato che arricchisce da qualche giorno le pareti esterne dell’istituto.

Non è stato facile coinvolgere oltre 250 bambini e renderli protagonisti di un’opera a cui tutti hanno attivamente partecipato: per farlo l’Istituto Comprensivo ha chiesto e ottenuto la collaborazione del Comune di Marzabotto. Che ha pensato di inserire il progetto all’interno del più ampio percorso previsto da “Pace. Diritti contro i muri” voluto dall’amministrazione comunale e realizzato grazie al contributo della Regione Emilia-Romagna e della Fondazione Carisbo.

È stato così possibile realizzare laboratori durante tutto l’anno scolastico, guidati dall’artista Danusia Morrone, durante i quali gli studenti hanno riflettuto sul tema del viaggio, della riscoperta della lentezza, confrontandosi con opere come l’”Odissea”, “Il meraviglioso mago di Oz”, “Le avventure di Pinocchio”, “Storia di una lumaca che scoprì l’importanza della lentezza”, “Dakota 11” e altre.

Queste attività hanno portato i giovanissimi artisti a progettare e disegnare poi il murales che rappresenta la sintesi di questo percorso, in cui il contributo di ciascuno è stato valorizzato.
«Questa bella esperienza» commenta il sindaco Valentina Cuppi «è soprattutto il risultato della collaborazione tra diversi attori: la scuola, gli insegnanti, i genitori, i ragazzi, l’amministrazione comunale. Insieme si raggiungono sempre risultati migliori».








Torna ai contenuti | Torna al menu