Monzuno, la strada e i suoi pensieri - Notizie - La Voce

Cerca
Vai ai contenuti

Menu principale:

Monzuno, la strada e i suoi pensieri

Pubblicato da Andrea Donati in Monzuno · 31/8/2021 21:32:00
Ha avuto successo la cassetta che permette ai viandanti e non di lasciare una frase o un messaggio



Di Andrea Donati

Una foto ricordo nella splendida maxi-cartolina, una breve sosta nella panchina artistica e da quest’estate il turista e/o il viandante prima di ripartire può lasciare una frase nella cassetta dei pensieri. Le strade di Monzuno si arricchiscono di altri oggetti di arredo che hanno l’obiettivo di rendere la sosta dei vacanzieri e dei camminatori, che percorrono la Via degli Dei, più entusiasmante e dal piacevole ricordo.

L’idea di realizzare la cassetta è stata di un residente di Rioveggio, Duillo Camarlinghi. Una proposta che è stata accolta favorevolmente dall’Amministrazione comunale e la cassetta, completamente trasparente, è stata installata in via Casaglia nella cabina dell’ex Enel al cui interno è possibile trovare dei libri dando vita ad una sorta di book crossing.

Ermanno Pavesi, Assessore alla Cultura, afferma: “vedo tantissime persone scrivere sui gruppi social della Via Degli Dei e ci è venuta l’idea di ritornare un po' al passato. Penna e carta. Scrivere sulla carta impone un diverso modo di pensare. In futuro, se avremo tanti “pensieri” li potremo raccogliere in un volumetto”.

In questi mesi estivi sono stati tanti i camminatori che hanno scritto una frase con anche un semplice grazie a motivo dell’accoglienza ricevuta o per un po’ di ristoro ritrovato. Pensieri e parole che non saranno “dimenticati” in quanto sono parte della vita del comune di Monzuno e presto saranno pubblicati sui canali social dell’Amministrazione comunale.

A notare lo sguardo incuriosito di tante persone davanti alla cassetta anche il sindaco di Monzuno Bruno Pasquini, che dice: “Tante persone mi dicono che il nostro territorio è molto bello. Questa è l’occasione affinché i pensieri siano messi nero su bianco”.
Fonte: Unione dei Comuni dell’Appennino Bolognese


Torna ai contenuti | Torna al menu