Presentazione a Castiglione dei Pepoli del romanzo “C’era una volta. Un bove e una sorgente” - Notizie - La Voce

Cerca
Vai ai contenuti

Menu principale:

Presentazione a Castiglione dei Pepoli del romanzo “C’era una volta. Un bove e una sorgente”

Pubblicato da Andrea Donati in Castiglione dei Pepoli · 23/10/2019 12:15:00


Di Andrea Donati

Giovedì 24 ottobre alle 20,45 nella biblioteca comunale di Castiglione dei Pepoli, in via Aldo Moro 31, sarà presentato il romanzo "C'era una volta. Un bove e una sorgente" di Lilia Mattioli, alla presenza dell'autrice che dialogherà con Marco Tamarri dell'Unione dell'Appennino bolognese. Il libro è edito da Arcobaleno Editore.

Lilia Mattioli è nata ed è sempre vissuta a Porretta Terme. Da quando è in pensione ha coronato il sogno di dedicarsi alla scrittura immaginando e scrivendo storie che si collocano a metà strada tra la realtà e la fantasia e che sono ambientate tra i monti dell'Appennino Tosco-Emiliano. Quello che viene presentato è il suo primo romanzo, ambientato nella seconda metà del Trecento.

Il quel periodo la montagna bolognese attraversa una profonda crisi economica e sociale: con la scomparsa degli antichi feudatari e l’affermarsi del ceto borghese spariscono i vecchi borghi e ne sorgono di nuovi, mentre crollano castelli e torri. È un periodo di guerre, epidemie e carestie, ma che darà ad alcuni anche la possibilità di migliorare le proprie condizioni sociali ed economiche. 
Come succede ai protagonisti della famiglia Marsili, gente semplice e povera che lascia i campi e i boschi per cercare una vita migliore. Quando Giuseppe e Lisa Marsili si sposano, nel 1373, sono convinti che la loro povera vita non cambierà mai, divisa per sempre tra il castagneto e i campi. Insieme a molti altri che emigrano in cerca di lavoro, la famiglia Marsili scenderà nella valle del Reno, dove scaturiscono sorgenti d'acqua termale, che la leggenda vuole abbiano restituita la salute a un bove destinato a morte certa. Col lavoro e la perseveranza, i Marsili contribuiranno a creare dal nulla un piccolo borgo che diverrà celebre negli anni col nome di Bagno della Porretta.

Il romanzo è un affresco della montagna coi suoi borghi, i suoi castelli, la sua gente, i suoi drammi. Nelle intenzioni dell'autrice, il libro costituisce il primo capitolo di una trilogia dedicata alla storia dei Marsili.
La serata è organizzata dall'Associazione 440 Hz con il patrocinio dell'Unione e del Comune di Castiglione dei Pepoli.

Fonte: Unione dei Comuni dell’Appennino Bolognese




Torna ai contenuti | Torna al menu