Il ministro Speranza firma intesa Regioni-farmacisti per vaccinazioni - Notizie - La Voce

Cerca
Vai ai contenuti

Menu principale:

Il ministro Speranza firma intesa Regioni-farmacisti per vaccinazioni

Pubblicato da Andrea Donati in Appennino · 30/3/2021 06:54:00
Notizia flash. Il link del protocollo competo.



Di Andrea Donati

«Ho firmato il protocollo con regioni e farmacisti per far partire in sicurezza le vaccinazioni Covid nelle farmacie del nostro Paese. La campagna di vaccinazione è la vera chiave per chiudere questa stagione così difficile. Oggi facciamo un altro importante passo avanti per renderla più veloce e capillare».
Con queste parole il ministro della Salute, Roberto Speranza, ha annunciato la firma del protocollo d’intesa tra governo, Regioni e farmacisti relativo all’«accordo quadro» per le somministrazioni da parte dei farmacisti dei vaccini anti Sars e Covid-19.

L’intesa sblocca la strada ai vaccini «sotto casa» per i cittadini. L’associazione dei farmacisti Federfarma ha parlato di un potenziale superiore a 200 mila vaccini al giorno. E già la Liguria da lunedì 29 marzo 2021 ha fatto partire il programma «sperimentale» di vaccinazione in farmacia. Sono 52, al momento, le farmacie inserite nel programma ligure.

Il meccanismo
Il decreto sostegni destina 350 milioni in più per la campagna vaccinale che consentirà ai farmacisti di somministrare le dosi dopo aver svolto un corso di formazione. La convocazione da parte delle Ats potrà dare come sede vaccinale la farmacia più vicina alla propria residenza. I farmacisti allestiranno un corner apposito qualora gli spazi all’interno lo consentano oppure un gazebo esterno per la somministrazione dei vaccini. Su tutto vigilerà (anche da remoto) un medico. Infine, il nuovo decreto prevede una remunerazione aggiuntiva «riconosciuta in via sperimentale» in favore delle farmacie per il rimborso dei farmaci erogati nell’ambito del Servizio sanitario nazionale, pari a 50 milioni per il 2021 e a 150 milioni per il 2022

Fonte: Corriere della Sera
Protocollo d’intesa completo: Clicca qui (fonte: Quotidiano Sanità)
 


Torna ai contenuti | Torna al menu