Più debito e un bond per i piccoli risparmiatori. Così Il Tesoro finanzia l'emergenza - Notizie - La Voce

Cerca
Vai ai contenuti

Menu principale:

Più debito e un bond per i piccoli risparmiatori. Così Il Tesoro finanzia l'emergenza

Pubblicato da Andrea Donati in Appennino · 15/4/2020 10:36:00
Quest'anno ci saranno più aste di titoli pubblici e più strumenti retail (per investitori privati) per far fronte alle necessità di cassa per il Coronavirus



Di Andrea Donati

Giustamente fino adesso anche noi di La Voce abbiamo cercato di informare correttamente, con dati certi ed interpretazioni più realistiche possibili degli stessi e continueremo a farlo, sull’l’aspetto sanitario della crisi relativa al coronavirus, purtroppo la crisi colpisce pesantemente anche l’aspetto economico/finanziario a livello mondiale.

Da oggi cercheremo di sviscerare anche gli scenari che colpiscono e colpiranno l’Italia, in vista anche della ripresa alla quale fin da adesso dovremmo iniziare a pensare e a muoversi fattivamente.

Ci aiuteremo con alcuni esperti ed operatori del settore e con autorevoli testate giornalistiche o piattaforme specialistiche del settore

Cogliamo quindi l’occasione per presentare uno dei nostri soci della nuova costituita “Associazione La Voce Aps” dove Aps sta per Associazione di promozione sociale, regolarmente iscritta al Registro Regionale delle Aps, in base alla nuova legge del terzo settore riguardante il volontariato e di cui parleremo in altro articolo, nonché facente parte del nostro organo di amministrazione, Dott. Marco Roccabianca, che ci scrive dalla sua residenza di Lugano, ma ha anche un ufficio in Bologna.

Marco Roccabianca
<<La situazione attuale sta stravolgendo il mondo, a livello sociale ed economico. Pensare di poter ripartire, dopo questo lockdown mondiale, facendo le cose “come prima” è inverosimile. Cambiamento dovrà essere la parola d’ordine: niente sarà più come prima, ma non è detto non possa diventare meglio.  



Il primo e più importante supporto alle imprese dovrà essere garantito dalle Banche Centrali, ma anche gli imprenditori dovranno essere protagonisti del loro cambiamento, per risollevarsi da questo macro danno economico. Come diventare autori del nostro cambiamento? Quali strumenti scegliere?

Se inizi a pensare alla ripartenza della tua attività, ma non sai da dove cominciare, che strumenti utilizzare e a chi chiedere un supporto, contattaci senza impegno e saremo lieti di offrirti una consulenza.>>
(in particolare si parlerà anche di nuovi interessanti strumenti finanziari già da alcuni anni presenti nello scenario nazionale e internazionale per Piccole e Medie Imprese. Ndn).
Questi i suoi recapiti: Via Guido Calgari, 2 - 6900 LUGANO (CH) - tel/fax +41919804050 - cell. +41791272248 - cell. +393487101961 mail: marco.roccabianca@mgkadvisors.com - www.mgkadvisors.com

Veniamo adesso all’articolo che abbiamo estrapolato dal Blog Internazionale “UffPost”:
Allo Stato italiano servono soldi freschi per coprire il maggior deficit che quest’anno deriverà dall’emergenza Coronovirus. E quindi al Tesoro toccherà fare un massiccio ricorso al mercato dei titoli pubblici. L’entità si saprà solo a fine mese, quando sarà approntato il Def, ma nel frattempo il ministero dell’Economia ha già fatto sapere che aumenterà l’offerta di strumenti finanziari nel corso del 2020 sia per gli investitori istituzionali che per i piccoli risparmiatori. Per quest’ultimi in particolare verrà creato uno strumento ad hoc oltre al già noto Btp. Italia.

“Le aste, che continueranno a seguire il consueto calendario e periodicità - si legge nelle nuove linee guida dal Mef - vedranno un aumento delle quantità offerte sui vari strumenti e scadenze. Il Tesoro tenderà a distribuire le emissioni aggiuntive sui vari strumenti e scadenze a disposizione, in maniera diluita nel tempo, tenendo conto di volta in volta dell’evoluzione delle condizioni di mercato. La calibrazione dei volumi offerti al mercato continuerà ad essere tale da dare maggiore peso ai settori con migliore liquidità sul secondario e maggiore profondità di domanda”.

Il Tesoro, si legge ancora, “intende gestire le necessità di finanziamento aggiuntivo per il 2020 in maniera tale da bilanciare nella maniera più efficiente possibile la necessità di consolidamento degli obiettivi da sempre perseguiti nella gestione del debito con l’evoluzione e l’andamento dei mercati finanziari”.

Per il settore retail è previsto l’arrivo di un nuovo strumento finanziario. Il Tesoro infatti lancerà, oltre al Btp Italia che quest’anno vedrà almeno una emissione, “un nuovo strumento di tipo nominale, particolarmente semplice e privo di meccanismi di indicizzazione, specificatamente dedicato agli investitori retail, che potrà essere proposto in più occasioni durante l’anno”.


Torna ai contenuti | Torna al menu