La storia magica dell'Appennino bolognese. Conferenza domenica 18 a Villa Mingarelli (Grizzana Morandi) - Notizie - La Voce

Cerca
Vai ai contenuti

Menu principale:

La storia magica dell'Appennino bolognese. Conferenza domenica 18 a Villa Mingarelli (Grizzana Morandi)

Pubblicato da Andrea Donati in Grizzana Morandi · 12/8/2019 18:30:00





Di Andrea Donati

Domenica 18 Agosto 2019 alle 21,15 nella Villa Mingarelli di Grizzana Morandi (in via Pietrafitta 46) si terrà la conferenza "La storia magica dell'Appennino bolognese. Grizzana Morandi tra simboli segreti, leggende e tradizioni..."

La conferenza sarà tenuta da Morena Poltronieri, autrice di oltre una ventina di libri dedicati ai luoghi magici del mondo, frutto dei suoi viaggi. Svolge da anni un lavoro di ricerca nell'ambito della simbologia antica, che ha permeato la cultura ermetica e la sua storia. Ha co-fondato il Museo Internazionale dei Tarocchi a Riola di Vergato. 

Il discorso spazierà dai miti e le magie tramandati dalla civiltà etrusca a Montovolo, la Montagna sacra e le sue simbologie. Si parlerà, anche con l'ausilio delle immagini, del significato simbolico della natura presso le antiche popolazioni, con storie e leggende legate al territorio. Saranno svelati anche alcuni segreti e misteri dell'antico linguaggio dei simboli comacini, che fanno dei borghi della zona dei veri e propri "libri di pietra". 

E poi ci sarà l'occasione per raccontare storie, tradizioni popolari e figure leggendarie ormai dimenticate, ma legate al passato dell'Appennino, soffermandosi sulla figura della strega, per secoli il "medico di famiglia" popolare con le sue erbe "magiche" e sul mito dei tempestari' e della magia metereologica. 

L'ingresso è gratuito, la serata è patrocinata dal Comune di Grizzana Morandi e organizzata in collaborazione con la proloco di Grizzana Morandi. 
Volendo dalle ore 19,30 è possibile prendere parte ad un piccolo buffet al costo di 5 €.

Per informazioni: 3395346188 museodeitarocchi@gmail.com

Fonte: Comunicato dell’Unione dei comuni dell’Appennino Bolognese.





Torna ai contenuti | Torna al menu