A Monzuno la mostra della pittrice inglese Lola Costa, l'artista innamorata della campagna toscana - Notizie - La Voce

Cerca
Vai ai contenuti

Menu principale:

A Monzuno la mostra della pittrice inglese Lola Costa, l'artista innamorata della campagna toscana

Pubblicato da Andrea Donati in Monzuno · 11/9/2019 17:59:00
"Lola Costa: un'artista sulla Via degli Dei"



Di Andrea Donati

Sabato 14 settembre alle 18 sarà inaugurata a Monzuno, nella sala della biblioteca Mario Marri in via Casaglia 1, la mostra "Lola Costa: un'artista sulla Via degli Dei". 

La mostra è organizzata in collaborazione con la l'Associazione culturale il Palmerino di Firenze e Advancing Women Artists, un’organizzazione americana no-profit costituita da donne di tutto il mondo unite per sostenere l’arte e il restauro. A.W.A. si impegna in particolare a identificare, restaurare ed esporre al pubblico opere d’arte (dipinti e sculture) di donne provenienti dai depositi fiorentini, spesso dimenticate per secoli.

La pittrice inglese Lola Costa (1903 – 2006), figlia di un imprenditore ligure trasferitosi in Inghilterra, ha condiviso gli interessi artistici di sua madre, l'anglo-francese Marie Antoinette Lesieur, con la quale ha vissuto in Francia a partire dai primi anni Venti dopo la separazione dei genitori. Qui madre e figlia dipinsero en plein air agli angoli delle strade, pagando per le necessità quotidiane con i dipinti piuttosto che con denaro. 

Si stabilirono in seguito a Maisons-Laffitte: Lola ebbe molte occupazioni occasionali, dalla commessa alla professoressa di inglese. Successivamente si trasferì in Toscana dove diventò diventare insegnante privata di Federigo Angeli, un artista emergente toscano con il quale ebbe una relazione e che sposò nel 1932. Lola partecipò a mostre locali, firmò sempre i suoi lavori al contrario del marito e li offrì in regalo. Era anche una poetessa rispettata. Tra i loro amici artisti si ricordano la pittrice inglese Elisabeth Chaplin e gli spagnoli Antonio e Xavier Bueno. 

La sua creatività raggiunse il massimo nel periodo compreso tra il 1936 e il 1948. Il "Palmerino", l'opera più famosa di Costa dedicata alla residenza che la ospitò a Firenze, è entrata a far parte della collezione Modern Art Gallery di Pitti nel 2014. I suoi dipinti sono di solito realizzati a tempera o ad olio, ma non mancano acquerelli; tra i suoi soggetti preferiti, la campagna toscana.

La mostra sarà aperta martedì e giovedì dalle 9 alle 12 e dalle 15 alle 18 e sabato e domenica dalle 10 alle 12 fino al 29 settembre. Con la chiusura della mostra il 29 settembre alle 15,30 è prevista una lettura di poesie scritte da Lola Costa.

La mostra usufruisce del patrocinio dell'Assemblea Legislativa della Regione Emilia-Romagna e del Comune di Monzuno.

Fonte: Unione dei Comuni dell’Appennino Bolognese






Torna ai contenuti | Torna al menu